logo

Diritti e doveri, spese da sostenere: inquilino o proprietario?

Diritti e doveri, spese da sostenere: inquilino o proprietario?

accordo

Dal contratto d'affitto di una abitazione nascono, sia a carico del proprietario che a carico dell'inquilino, diritti e doveri reciproci. Chi cede in affitto una casa ha dei doveri nei confronti dell'inquilino e quei doveri del proprietario diventano diritti per l'inquilino e viceversa.

Doveri del locatore (o proprietario) – art. 1575 codice civile

1.deve garantire e consegnare la casa in un buono stato di manutenzione. L’immobile non deve avere bisogno di nessuna riparazione o altro intervento prima che l’inquilino vi entri; 2.ha l’obbligo di farsi carico delle riparazioni che sono necessarie per mantenere il buono stato della casa e per garantirne l’idoneità per tutta la durata del rapporto di affitto, fatte salve solo quelle di piccola manutenzione, che sono a carico del conduttore; 3.ha l’obbligo di farsi carico delle opere di manutenzione straordinaria richieste dalle condizioni in cui si trova l’immobile; 4.ha l’obbligo di garantire all’inquilino il pacifico godimento della casa nell’ipotesi che qualcuno possa avanzare pretese sullo stesso (non può cedere la casa ad altri inquilini senza il preavviso previsto dal contratto); 5.spetta sempre al proprietario l’adeguamento dell’immobile alle nuove disposizioni di legge, ogni volta che queste vengono emanate.

Doveri del conduttore (o inquilino) – art. 1587 codice civile

1.ha l’obbligo di servirsi della casa per l’uso determinato dal contratto e usando la “diligenza del buon padre di famiglia”: deve cioè trattare al meglio l'immobile, evitando il più possibile il deterioramento della casa, dei mobili e di quanto è stato a lui consegnato; 2.ha l’obbligo di pagare il corrispettivo periodico alla scadenza prestabilita, rispettando sempre le modalità di pagamento pattuite; 3.ha l’obbligo di restituire la casa alla scadenza del contratto nello stesso stato in cui si trovava quando gli è stata consegnata; 4.ha l’obbligo di rispondere della perdita e del deterioramento delle cose avvenute nel corso della locazione, anche se causate da un incendio, qualora non venga provato che siano accaduti per fatti non imputabili all’inquilino; 5.in caso voglia apportare dei cambiamenti all’abitazione, l’inquilino deve chiedere il permesso al proprietario. Questo serve ad evitare che il proprietario, alla fine del contratto di locazione, pretenda che l’abitazione torni come era prima. A meno che non abbia chiesto, e ottenuto, preventivamente il consenso del proprietario, l’inquilino non ha il diritto di chiedergli il pagamento delle spese sostenute per i miglioramenti apportati: per qualunque modifica accordati sempre prima con il tuo datore d'affitto! 6.le riparazioni urgenti possano essere eseguite direttamente dal conduttore, salvo rimborso da parte del proprietario, purché gliene sia data contestuale comunicazione.

Oltre all'affitto mensile, ci sono varie spese che un inquilino deve sostenere regolarmente: spese di consumo (energia elettrica, acqua, gas, tassa per lo smaltimento dei rifiuti, riscaldamento), eventuali spese per pulizie e luce delle scale e spese condominiali o eventuali lavori di miglioria dell'appartamento. Mentre al proprietario spettano le "spese straordinarie", come il rifacimento della facciata del palazzo, eventuali danni interni non causati dall'inquilino, etc..

Consulta la tabella riassuntiva sulla ripartizione tra inquilino (detto Conduttore, indicato con la lettera C) e proprietario (detto Locatore indicato con la lettera L) delle spese di gestione da sostenere (oneri accessori)

Tags: Casa

Jennifer.Zicca
Commenti
Lascia un commento